Being Nasmadie

Avete presente quando si è indecisi se creare o meno un blog… allora lo si crea, ma dopo aver pubblicato appena qualche post, lo si elimina…e poi, qualche mese dopo, ci si chiede perché si abbia deciso di fare una cosa del genere? Bene, è proprio quello che è capitato a me con questo blog! Scrivo sul web da quando avevo 14 anni; cominciai con un solo blog (su windows space, ancora prima che questo divenisse windows live space), fino ad arrivare, oggi, ad averne svariati, in varie lingue e che trattano di vari argomenti. Non so esattamente quale sia il problema con questo… non mi è mai venuto in mente di eliminare gli altri… ma questo, poverino, proprio non riesce a trovare pace. Quando non esiste, mi vengono in mente centinaia di cose da scrivervi; quando esiste, mi chiedo il senso della sua stessa esistenza.

Ma passiamo alle spiegazioni “tecniche”.

Il titolo, così come l’url del blog, traggono ispirazione ed origine, per via della tematica trattata, da una serie televisiva canadese a cui io sono molto affezionata: Being Erica (da cui, Being Nasmadie).

“All I ever wanted to be” non è altro che la colonna sonora ed opening della serie

Vi faccio un riassunto (tratto direttamente da wikipedia <.<“) della serie tv, giusto per avere un idea del perché io la ritenga tanto “inspirational” e “motivational”: Erica Strange, la protagonista, è una donna che in un momento di depressione, causata dai molti rimpianti riguardanti scelte sbagliate effettuate nella vita, viene ricoverata d’urgenza in ospedale per uno shock anafilattico; risvegliatasi le si presenta un medico, il dottor Tom, il quale le si proporrà come terapeuta per risolvere i suoi problemi psicologici. Quest’incontro le rivoluzionerà la vita poiché il dottor Tom è un terapeuta molto “speciale”: Erica accetterà di sottoporsi alla terapia, scoprendo immediatamente che il terapeuta ha la capacità di mandarla indietro nel tempo, per tornare a rivivere i momenti in cui la donna ritiene di non avere preso le decisioni giuste ed avuto il giusto atteggiamento, in modo di trarre da ciò delle lezioni di vita in grado di migliorare la sua esistenza attuale.

Sino ad ora non credo di avere rimpianti o situazioni particolari che vorrei cambiare tornando indietro nel tempo; ogni singola esperienza vissuta, positiva o negativa, mi è comunque stata utile ed educativa. Nonostante dunque la mia situazione non sia come quella di Erica, rimane il concetto di fondo: eventi più o meno improvvisi ci costringono a cambiare totalmente, a riconsiderare molte cose e, soprattutto, a ritrovare noi stessi, ciò che veramente vogliamo e ciò che davvero vogliamo essere.

“Il cambiamento: a volte si insinua lentamente, a volte ti colpisce sulla testa. E a volte giri l’angolo e scopri che sei diversa in una piccola cosa e il mondo non ti sembra più come prima. E adesso da che parte vado? Non ne ho idea, ma per la prima volta sento che è una cosa giusta” – Erica Strange

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...